GUIDA ALL' ACQUISTO DI UN INCUBATRICE

Dall'osservazione in natura rivolta alle rusticissime, per quanto rare, chiocce, la tecnologia ha negli anni costruito, modificato e elevato tecnologicamente diversi modelli di incubatrice i quali si rivolgono agli allevatori sia di stampo professionale e aziendale, che dilettantistico.

Le incubatrici moderne sono costruite seguendo i dettami della natura considerando diverse funzioni le quali, nel complesso, determinano la qualità ed il prezzo di questi indispensabili accessori d'allevamento.

Incubatrice Antica
(Incubatrice d'epoca)

I modelli tecnologicamente più avanzati sono in grado di poter rigirare le uova automaticamente, una funzione che graverà sul costo finale dell'accessorio ma che consente grande libertà all'allevatore.

La temperatura controllata, tramite termostati e resistenze, è pratica usuale in tutti i modelli: lo scopo delle incubatrici è proprio quello di fungersi come vece della chioccia proprio nel costante riscaldamento delle uova. Un aspetto importante è determinato dall'umidità: il pieno successo alla schiusa è correlato anche a questo fattore fondamentale. Le incubatrici moderne sono in grado di mantenere costante il flusso di umidità al'interno della campana di cova per tutta la durata.

Altri fattori determinanti per scegliere prodotti dal costo superiore, ma anche dalla resa superiore, sono la coibentazione, rivolta soprattutto ad allevamenti situati in climi freddi, o, quando temperati, in grado di assicurare schiuse anche durante i rigidi inverni, e la garanzia di sicurezza nei confronti di eventuali contatti con l'acqua. Essendo accessori elettrici è fondamentale la corretta costruzione al fine di evitare interruzioni di corrente proprio durante le delicate fasi di cova artificiale.

Con questa piccola guida offriamo dei consigli e cerchiamo di dare più chiarezza alle varie opzioni per aiutarti con la tua scelta.

Confrontiamo le opzioni e a che cosa servono, come meglio scegliere quella adatta alle nostre esigenze, perché spendere di più, cosa importa se l'incubatrice e Made in Cina o Made in Italy, e tanto altro.

INCUBATRICI:

  1. Sicurezza;
  2. Capienza;
  3. Coibentazione;
  4. Gira Uova;
  5. Digitale - Analoga;
  6. Umidità rH;
  7. Garanzia e Usato;

1 - LA SICUREZZA

Le Incubatrici sono apparecchi elettronici a vicino contatto con l'acqua, questi apparecchi se non progettati e costruiti a norma possono diventare oggetti pericolosi, ebbene ricordare che l'acqua / umidità contenuta in questi apparecchi è un ottimo conduttore di energia elettrica che può causare danni non solo alle uova che essa contiene ma a te stesso.

(incubatrici con trasformatore interno 220v "Made in Cina")

Incubatrice Made in CinaIncubatrice Made In Cina

Iniziamo proprio con la sicurezza perché queste incubatrici costruite da ditte poco affidabili tante “Made in Cina” stanno diventando sempre più popolari per i loro prezzi accessibili e per le loro svariate funzionalità che esse promettono, però attenzione, queste possono essere particolarmente pericolose perché molte non aderiscono alle stringenti normative Europee e Italiane riguardanti gli apparecchi elettronici.

Sfortunatamente per chi le acquista, alcune di queste incubatrici non riescono a portare a termine il loro compito. Allora cosa fare se l'apparecchio esibisce un anomalia pochi giorni prima della schiusa, sarebbe un peccato per quelle promettenti uova, un altro esempio che possiamo citare è un anomalia nella gestione della temperatura, quanto la temperatura errata viene segnalata all'attrezzo, potreste spenderete mesi riprovando senza alcun successo, e a questo punto magari prendere la sventurata decisione rinunciare a questo bellissimo hobby.

2 - CAPIENZA

La prima cosa da stabilire è la capienza, visto che le Incubatrici più grandi sono generalmente più costose. Scegli un incubatrice che sia grande abbastanza ma tieni d'occhio anche ai tuoi requisiti in un anno o due, pensi di espandere il tuo allevamento?

brinsea_mini_eco_incubator_62cbe7a8.jpgSeries%20II%20OE100turn_side_BRIN28-500x

Per un piccolo allevatore amatoriale un incubatrice da 24 uova può essere più che sufficiente, mentre se pensi di allevare tante razze e vendere pulcini allora considera un incubatrice con una capienza di 48 uova in su.

3 - COIBENTATA O NO

Sicuramente un Incubatrice con un certo livello di coibentazione risulterà più costosa di una senza, allora considera sé questo requisito è veramente necessario.

La coibentazione può incidere con i risultati di schiusa, per esempio se intendi usare l'incubatrice in un luogo freddo, in questo caso considera spendere un po di più per un incubatrice coibentata.

4 - GIRA UOVA - A MANO O AUTOMATICO?

Le uova vanno girate di tanto in tanto durante il periodo di incubazione, almeno 3 volte ogni 24 ore, io personalmente consiglio più di 3 volte, questo processo si ripete per i primi 18 giorni d'incubazione per le uova di gallina.

Un incubatrice con un gira uova automatico rende sicuramente il lavoro meno laborioso, ma questo tipo di incubatrice ha dei costi più elevati rispetto ad un incubatrice manuale, valuta se sei disponibile a girare le uova almeno 3 volte ogni giorno, altrimenti considera un incubatrice con un gira uova automatico.

5 - OPZIONI DIGITALI E ANALOGHE

Esistono sul mercato svariati modelli di incubatrici digitali, alcune moderne che fanno uso di A.I. Intelligenza Artificiale, queste valutano le condizioni interne ed esterne in tempo reale e si impostano senza nessun intervento manuale per mantenere la temperatura precisa e un livello di umidità ottimale, questo tipo di incubatrice grazie alle tecnologie che stanno diventando sempre più accessibili, in futuro promettono di diventare la norma.

rcom-king-suro-eco-ex-20.jpg

Le incubatrici analoghe sono le più comuni trovate sul mercato e le più accessibili in termine di costi, queste hanno bisogno di più interventi manuali come per riempire le vaschette per regolare il livello l'umidità.

Un incubatrice digitale ha sicuramente dei vantaggi rispetto a quella analoga ma i costi sono assai differenti, a mio avviso la scelta è sempre personale e dipende anche dalle uova che si vuole schiudere, per esempio ci sono razze un po' più difficili che necessitano incubatrici che replicano più vicino e in maniera precisa e costante le condizioni naturali, in questo caso si dovranno valutare le opzioni per incubatrici digitali disponibili sul mercato.

6 - UMIDITA`

Per un buon risultato di schiusa è necessario che l'incubatrice mantenga un livello di umidità adeguato durante tutto il periodo di incubazione, questo si ottiene regolando la quantità d'acqua dentro l'incubatrice, un incubatrice digitale con l'opzione aggiunta di umidità automatica riesce a gestire questi valori in maniera costante e senza nessun intervento manuale.

Anche questo rende il lavoro meno laborioso e più efficace, ma incide sui costi.

7 - GARANZIA

Eventualmente i tuoi requisiti e i costi determinano che tipo di incubatrice è adatta per le tue esigenze, siamo del parere che spendere un po' di più per acquistare un incubatrice di qualità conviene, quando si pensa che queste incubatrici possono durare anni, ma in caso qualcosa vada male hanno anche delle garanzie non indifferenti.

"Il portale Eggbay.it in questo è ideale spunto di ricerca, selezione di modelli, acquisto dell'incubatrice specificamente ideale al vostro fabbisogno."

Una piattaforma completa in grado di assisterti durante la scelta dell'incubatrice, ma non solo: grazie al servizio marketplace rivolto a tutti coloro che volessero creare il proprio negozio online, è un ottimo centro d'interscambio e compravendita di uova fecondate e suggerimenti tra allevatori al fine di ottenere il massimo successo anche osando acquisti di razze pregiate e non diffuse.